Salta al contenuto principale Salta alla navigazione principale Salta al piè di pagina
News

Dopo la laurea le soft skills fanno la differenza

Trovare un buon lavoro dopo la laurea richiede competenze che politiche pubbliche mirate potrebbero rafforzare. Grazie alle soft skills apprese in famiglia e nei contesti extrascolastici nei quali sono immersi, infatti, coloro che provengono da famiglie più abbienti riescono più facilmente a collocarsi presso quelle aziende che, a parità di istruzione e professionalità, pagano meglio i propri dipendenti. 

Il tema è stato oggetto di un’approfondita analisi della mobilità sociale intergenerazionale svolta dal professor Fabrizio Patriarca dell'Unimore - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, ospite all’interno del terzo seminario promosso dall’Osservatorio MHEO presso il Dipartimento, che ha esaminato i percorsi nel mercato del lavoro dei laureati del suo Ateneo. 

In base ai dati esposti, è emerso per esempio che nonostante l'analisi sia stata condotta a parità di titolo di studio, chi proviene da una famiglia che appartiene al 25% più basso tra i redditi delle famiglie dei laureati, ha un salario mediamente più basso del 6%. Tale differenza è dovuta in egual misura, da un lato, ad abilità produttive diverse maturate per via del diverso background, dall'altra alla maggiore capacità di chi viene da contesti familiari economicamente più forti di essere assunti in aziende che pagano meglio i lavoratori. Le famiglie con minori risorse economiche potrebbero per questo essere meno propense ad investire nell'istruzione, poiché i rendimenti in termini di salario dei loro figli dopo la laurea sarebbero inferiori a quelli dei figli provenienti dalle famiglie benestanti.

Per avere accesso alle migliori opportunità professionali, avere un buon titolo di studio è comunque importante rispetto a chi ne è privo, ma tra tutti coloro che hanno il medesimo grado di istruzione, insomma, a fare la differenza possono essere anche altre competenze che dovrebbero essere rese accessibili anche a coloro che provengono da contesti familiari meno abbienti.

Photogallery

Un momento del seminario sulle Soft Skills
Un momento del seminario sulle Soft Skills
Un momento del seminario sulle Soft Skills